Home > Sport calcio > La talpa

La talpa


La Talpa, simpatico animaletto piuttosto miope che si aggira nei cunicoli sotterranei che scava da sé e in cui conduce la sua esistenza, fatta di lunghe camminate alla ricerca di lombrichi e qualche larva.

Vi chiederete come mai abbia iniziato questa lezione di Zoologia dedicata alla talpa, ebbene vi risponderò che ho pensato alla talpa dopo la partita fantastica della Juve con il Bayern di ieri sera, quando sulla mia bacheca su FB sono incominciati a spuntare vari sfottò di tutta la popolazione di tifosi interisti, emersi proprio come delle talpe dopo che, di seguito alla batosta di sabato con la Juve, erano scomparsi nel sottosuolo a scavar gallerie e dalle quali non erano usciti neanche con l’uso di richiami o trappole preparate per l’occasione. Ad un poco esperto conoscitore di questa razza (interisti, intendo, non talpe), sarà potuto sembrare normale vedere tutti quegli sfottò in giro sulla rete dopo una partita persa dalla loro squadra avversaria per antonomasia, la Juve naturalmente il loro incubo quotidiano e costante da sempre, invece per loro non è così, perché non sempre si è martello e quando si diventa incudine  bisogna accettare la sconfitta e i successivi obblighi di presenza per sopportare il logico e obbligatorio scambio di “insulti” (sfottò, intendo, magari anche pesanti) fra tifosi avversari, loro invece magicamente scompaiono, interrandosi per poi ricomparire.

Tutto questo succede perché parliamo ovviamente delle Talpe (gli interisti, in questo caso), le quali preferiscono, come natura impone,  rintanarsi nelle gallerie in attesa di tempi migliori, per uscir poi fuori dai loro meandri sotterranei ed imbrattare con tumuli di terreno smosso le bacheche dei tifosi avversari, scomparendo di nuovo alle prime avvisaglie in caso di sconfitta o pareggio, ebbene si, pareggio anche, perché sono così Campioni che anche un pareggio per loro diventa una sconfitta, che vuoi farci quando uno è uno abituato vincere da così tanti anni (sic!).

E ‘a questo punto che si impone uno studio più approfondito degli animaletti sopradescritti per stabilire quali siano le loro abitudini e i loro bisogni, per poter salvaguardare la specie così esposta al lavoro sotterraneo, d’altronde noi tutti conosciamo i problemi dei minatori costretti per lavoro a vivere nel sottosuolo in cunicoli e gallerie, e quindi preoccuparci nell’eventualità di un ritorno a tempi bui che non abbiano a soffrire troppo, costretti dalle sconfitte ad una vita sotterranea e che almeno ogni tanto possano uscire all’esterno per sentire il profumo dell’aria pura e fresca delle vittorie, considerando anche il loro olfatto ultrasensibile che per anni ha sofferto a respirare la polvere e l’aria viziata delle gallerie. Per il momento è allo studio un gruppo su FB che cercherà di dare asilo alle creaturine tenere e che appena attivato mi premurerò di diffondere. Ovvio che dopo questo articolino simpatico (ehm ehm) mi aspetto un po’ di commenti, anche pesanti, ma quando si incomincia un gioco bisogna accettarne tutte le conseguenze, ovviamente mi aspetto che firmiate i vostri insulti anche se, da Talpe, un po’ siete miopi. Arrivederci a presto.

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: