Home > Politica > Alleluja, è nato è nato.

Alleluja, è nato è nato.


Eccolo qua, è stato partorito ieri un decreto del governo necessario per aiutare i giudici e che effettivamente mancava. In effetti ci stavamo chiedendo come fosse stato possibile che un giudice avesse potuto finora permettersi di emettere una sentenza senza l’aiuto fondamentale di questo nuovo ed indispensabile strumento: “Il decreto interpretativo”. 

Certamente vi sarete chiesti come abbiamo potuto pensare di poterne fare a meno finora e chissà quanti e quali errori siano stati commessi senza. Tranquilli, quando manca qualcosa ci pensa subito questo governo del fare, che anche se indaffaratissimo con tutti i problemi su leggi ad personam e legittimi impedimenti, riesce a trovare tempo per risolvere un problema fondamentale per la “Democrazia”, avremmo mai potuto dubitarne?

Il 5 marzo 2010 diventerà una data storica nel ricordo di questa disastrata repubblica, sarà festeggiata come un nuovo Natale che ricorderà la nascita di questo “bambinello” a cui verrà dato il nome di Interpretativo e che rimarrà indelebilmente tracciata nella memoria di tutti coloro i quali temevano per la democrazia e che invece dimostrerà nel futuro di quanto sia stato democratico questo governo permettendo a tutti i cittadini votanti P.D.L. di poter esprimere il loro voto, voto che era stato negato da un tentativo non riuscito di quella frangia estremista ancora esistente in Italia (ma ancora per poco) che credeva che rispettare le regole fosse fondamentale per vivere in un paese democratico.

E’ ovvio che dovendo modificare in fretta tutto quello che si ritene necessario per un buon funzionamento della democrazia, a volte non tutto riesce alla perfezione ed al primo colpo (vedasi legge Pecorella, lodo Alfano), ma cari cittadini non disperate, perché il vostro unico pensiero dovrà essere rivolto a sostenere questi integgerrimi paladini della giustizia per tutto il resto “ghe pensa  lu” così come ha avuto modo di affermare il nostro re Artù al cospetto di un parterre di colleghi industriali, preoccupati per la grave crisi e le inefficaci misure del governo per contrastarla.

Tranquilli voi votatemi che “per la democrazia e la libertà ghe pensi mì“.

Dopo questa ennesima dimostrazione possiamo veramente stare tranquilli…

Annunci
  1. Lorella
    7 marzo 2010 alle 01:17

    siamo proprio fortunati :((

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: