Home > Varie ed eventuali > I “cabasisi” di Bersani

I “cabasisi” di Bersani


E’ ormai certo che il linguaggio usato nella vita di tutti i giorni dalla gran parte degli italiani sia diventato linguaggio corrente anche da personaggi pubblici e in occasioni in cui l’uso di certe parole o espressioni “forti” non sia esattamente consigliato.

Eppure è strano come a volte proprio quel linguaggio serva e nello stesso tempo risulti indispensabile per esplicitare nella maniera esatta il giudizio su modi o comportamenti che descritti in maniera più consona non risulterebbe altrettanto efficace.

L’esempio più recente di questo uso un po’ forte del linguaggio parlato è certamente quello dell’onorevole Bersani, che ha avuto modo di descrivere in  maniera  chiara e inequivocabile con una espressione ormai abusata nel quotidiano di noi tutti a volte anche soltanto mentalmente, il comportamento del ministro Gelmini nei confronti di una classe di lavoratori nel mirino del governo quale fruitrice di un trattamento privilegiato, sia per lo svolgimento del proprio lavoro che per la retribuzione percepita.

Qualcuno ha arricciato il naso nel sentire questa espressione un po’ forte da parte di Bersani, ma siamo sicuri che, per quanto effettivamente molto colorita, renda esattamente l’idea.

Annunci
  1. Non c'è ancora nessun commento.
  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: